Lez flex;justify A White Abbigliamento Style Vestiti Div Donna Vestito "display Estivo Off j3L4A5R
  •  
Diagnosi e CureBlack Wwuliugc Uomo Kaviar Senza Felpa 100Cotone Applicazioni Nero zSVpqGUM

  La Salute è la nostra CulturaBlack Wwuliugc Uomo Kaviar Senza Felpa 100Cotone Applicazioni Nero zSVpqGUM

Ivyamp; Vestiti Gonna Mhr9003959 Da LungaMidnight Blue Oak Donna sxthBrdCQ

Quando il nervo soffre…

La neuropatologia periferica si occupa della diagnosi e trattamento delle patologie dei nervi periferici in ambito ortopedico. Il nervo periferico nasce dal midollo spinale e decorre verso la periferia dove svolge due compiti ben precisi: portare la sensibilità periferica dai tessuti (pelle, muscolo, osso, …) al midollo, quindi alla corteccia cerebrale, e trasmettere l’ordine motorio dalla corteccia cerebrale attraverso il midollo al muscolo, il quale riceve l’ordine di contrarsi. La natura, particolarmente benigna, fa passare questi nervi attraverso canali protetti, costituiti sia da osso sia da strutture legamentose o fibrose, ma al cui interno il nervo potrebbe andare incontro a una forma di compressione.

“Il nervo - spiega il dottor Maurilio Bruno responsabile dell’U.O. di Chirurgia della Mano II all’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi - essendo un organo senza  arterie proprie, vive grazie a una rete arteriosa che gli gira intorno; in caso di aumento della pressione all’interno di questi canali, i vasi vengono compressi e il sangue potrebbe non essere più sufficiente a portare al  nervo la giusta quantità di ossigeno provocando l’ipo-ossigenazione o ischemia. Il nervo periferico è un insieme di fili molto lunghi, detti assoni, che nascono dalla cellula nervosa e costituiscono il “filo elettrico” che trasmette elettricità “sensitiva” dalla periferia al centro e “motoria” dal centro alla periferia. La guaina che avvolge il nervo è costituita dalla cellula di Schwann che ha il compito di assicurare che l’elettricità non si disperda ma venga correttamente trasmessa lungo il nervo. Quando il nervo periferico, passando attraverso questi canali per vari motivi, non riesce a trasportare la giusta quantità di l’elettricità, dà origine a una sindrome canalicolare. La sindrome canalicolare più conosciuta è la sindrome del tunnel carpale in cui il nervo mediano che governa la maggior parte delle funzioni della mano e che, normalmente, passa attraverso il canale del carpo, può per motivi non ancora ben noti, ispessirsi perdendo elasticità nel passaggio determinando - in quel punto - una crisi ischemica e una cattiva trasmissione dell’ordine elettrico. La sensibilità viene perciò alterata: caldo e freddo sono confusi così come la pressione e il tatto, lasciando spazio a formicolii e dolore (“messaggio” sbagliato). Queste patologie, non avendo una sola causa, si considerano multifattoriali. Altre sindromi similari che coinvolgono altri nervi periferici si manifestano meno frequentemente e sono più difficilmente diagnosticabili”.

“Nella parte superiore del corpo - continua - tutti i nervi che emergono dalla colonna cervicale formano una ragnatela che prende il nome di plesso brachiale. Questa struttura è costituita da nervi che si intrecciano fra di loro fino a formare i quattro tronchi nervosi più importanti dell’arto superiore e percorre una zona a imbuto detta passaggio toracico. La patologia che coinvolge questa zona è detta sindrome del passaggio toracico dove il plesso brachiale, compresso nel suo passaggio, porta a sofferenza tutto l’arto. Le neuropatie periferiche si diagnosticano in primis attraverso l’esame clinico e quando c’è il forte sospetto di una sofferenza del nervo si esegue l’esame dell’elettromiografia, l’unico in grado di valutare la capacità del nervo di trasportare elettricità. In caso di compressione del nervo, il trattamento

consiste nel modificare la biologia e il volume della regione anatomica compromessa per favorire meglio la trasmissione del segnale elettrico mediante la decompressione chirurgica del nervo. In ausilio è anche utile la somministrazione di neurotrofici, cioè farmaci a base soprattutto di vitamina B e altri composti. I nervi liberati tornano, così, a ricevere la corretta quantità di ossigeno. Da qui, comincia il processo di autoriparazione che porta, infine, alla guarigione. In caso di un trauma del nervo (cioè quando il nervo è reciso), occorre ripararlo ricollegando i due monconi mediante un innesto di altri nervi “di scorta” a disposizione nel nostro corpo. Una volta riparato, il nervo riprende la sua funzione alla velocità media di circa un millimetro al giorno fino alla completa ripresa”.

“In presenza di sintomi sospetti di neuropatia - conclude - è bene rivolgersi sempre allo specialista che, dopo accurata diagnosi, saprà consigliare i presidi necessari”.  

X